Un martello, una scala o della vernice, prese in prestito e gratuite. In cambio, volontariato civico o impegno sociale. Un patto di cittadinanza attiva è alla base del progetto Emporio solidale “Fai da Noi” realizzato con il Comune di Campi Bisenzio e l’associazione Diaconìa Valdese fiorentina.  Utensili e materiali consumabili, come vernici, stucchi e lampadine per rendere più bella e accogliente la propria casa sono ora a disposizione, senza alcun costo, delle famiglie in difficoltà economica, ma vuole offrire il suo tempo e il suo senso civico. Un po’ una biblioteca per i piccoli lavori di manutenzione, ristrutturazione e decorazione, un po’ una banca del tempo.

L’Emporio “Fai da Noi” è stato inaugurato alla presenza del sindaco di Campi Bisenzio, Emiliano Fossi, dell’assessore al Diritto alla Salute, al Welfare e all’Integrazione socio-sanitaria della Regione Toscana, Stefania Saccardi, dal presidente della Società della Salute fiorentina nord-ovest, Enrico Panzi, dell’associazione Diaconìa Valdese, Davide Donelli e del responsabile Caritas Vicariale Campi Bisenzio don Marco Fagotti. Nei primi giorni, in fase sperimentale, lo spazio sarà aperto il sabato dalle 15 alle 16.30. Il cittadino potrà accedere al prestito registrando i suoi dati e accettando la collaborazione per progetti di volontariato civico.

L’Emporio solidale  “Fai da Noi” è uno dei progetti che rientrano nel Distretto di Economia civile di Campi Bisenzio, il primo in Italia. Da due anni ormai Campi è diventato il laboratorio nazionale dell’economia sostenibile, inclusiva e partecipata  con progetti dedicati all’ambiente, alla condivisione e  al rispetto del territorio. Un progetto sperimentale nato al Festival dell’Economia Civile che partirà, per la sua seconda edizione, il prossimo 16 novembre e per tre giorni porterà esperti nazionali e internazionali a discutere e a proporre soluzioni concrete per un altro tipo di economia, più civile e solidale.

Pronti i tavoli di discussione sui temi chiave: welfare e comunità, rigenerazioni di luoghi e spazi di comunità, nuovi modelli energetici, lavoro, giovani e formazione. Il metodo di lavoro è semplice, ogni tavolo è coordinato da un soggetto segnalato dal gruppo e partecipano realtà locali e nazionali dei 5 sistema di riferimento: istituzioni, attori economici, società civile, scuola-università e cittadini.

“Un altro sviluppo non solo è possibile, ma è sempre più realtà – ha commentato Emiliano Fossi, sindaco di Campi Bisenzio –  L’emporio solidale diventa un modello di economia inclusiva, contro lo spreco e per la cittadinanza attiva. Abbiamo scelto di lasciare fuori il denaro e considerare come moneta il tempo e la voglia di fare qualcosa per la comunità, come riparare una panchina o sistemare un giardino pubblico. Piccole grandi azioni che fanno la differenza e che passo dopo passo possono costruire davvero un sistema più complesso dove al centro c’è il cittadino”.

“Un progetto che dà una risposta ad un bisogno, assecondando le esigenze anche delle persone in difficoltà economiche, e che attiva un percorso più ampio di cittadinanza attiva – dichiara l’assessore regionale Stefania Saccardi – Si consolida così un patto di solidarietà tra cittadini e amministrazione pubblica a beneficio di tutta la comunità. Un’esperienza che po’ diventare esempio per altre realtà e che segue la linea tracciata dalle politiche sociali della Regione Toscana”.

“Il progetto ‘Emporio Fai da noi’ costituisce un completamento delle opportunità che Casa delle Viole offre ai propri ragazzi – dichiara Davide Donelli, dell’associazione Diaconia Valdese –  Il servizio è il frutto della condivisione del lavoro tra Enti pubblici, la Diaconia Valdese Fiorentina e le aziende del territorio e fornisce quella visibilità che gli è dovuta, oltre che quelle opportunità di formazione e di orientamento al lavoro che sono la garanzia per i ragazzi di un’effettiva capacità di autonomia ed emancipazione per il futuro”.

Leroy Merlin crede nell’importanza di una società fondata sulla condivisione, in cui fare rete diventa non solo una necessità, ma anche un valore per la comunità e gli Empori Fai da Noi come quello di Campi Bisenzio ne rappresentano l’esempio concreto. Questi progetti provano quanto la collaborazione fra tanti soggetti diversi attivi un processo capace di generare un risultato maggiore della semplice somma di quanto prodotto dai singoli attori . Un’idea originale per offrire aiuto a persone e famiglie in difficoltà ma soprattutto per generare valore sociale per la comunità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...