emergenza Coronavirus
Lascia un commento

Il grido

Di Sonia Antonicelli, Leroy Merlin Italia


Durante questo weekend, uno dei Collaboratori del Negozio di Fiumicino ha scritto un messaggio nella chat del Negozio chiedendo, dato che molti Punti vendita sono impegnati con donazioni a supporto dei vari enti, di poter partecipare a questa “gara” di solidarietà. Sicuramente non potevo voltare le spalle e restare indifferente a questo invito. Ho quindi avvisato tutti i mie Collaboratori che, non appena qualcuno ci avesse chiesto un supporto, saremmo stati disponibili ad aiutarli con quello e come potevamo. Dopo qualche ora ho ricevuto una mail da Annamaria, Consigliere di Vendita del Reparto Illuminazione, che mi informava della richiesta del Sindaco di Ladispoli il quale raccontava le difficoltà oggettive di chi, ogni giorno, sta combattendo in prima linea questa emergenza a servizio della Comunità. Con un grido accorato di aiuto ci chiedeva se potevamo sostenerli fornendo dispositivi di protezione individuale per i volontari della Protezione Civile ma anche per le Forze dell’ordine che, data l’emergenza economica, stanno rinunciano alla propria sicurezza a favore di chi si trova in situazione di povertà: i fondi disponibili ad oggi infatti sono stati impiegati nell’acquisto di beni alimentari per soccorrere le famiglie più fragili.

Non potevamo essere sordi a questo grido di dolore. Questa mattina, appena arrivati in negozio, ci siamo attivati e abbiamo cercato i prodotti (purtroppo non tutti disponibili) da poter donare.

Non potevamo essere indifferenti a un altro grido che si è alzato dal centro della nostra amata città, il grido di Papa Francesco: “Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca… ci siamo tutti.”

Questo non è solo più un grido di un Sindaco, del Papa, di un’associazione, di un Ente, non è un grido di ALTRI è il NOSTRO grido che, anche attraverso un piccolo contributo, diventa un grido di speranza. Quella che vogliamo urlare al nostro amato Paese Italia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...