All posts tagged: cash mob etico

Cash mob: the winner is…

Abbiamo ricevuto da Next il risultato delle votazioni dei ragazzi che hanno partecipato al Cash Mob Etico dal 12 al 23 marzo e BBline è stato scelto come il fornitore più sostenibile.30 Nata da una profonda vocazione per la lavorazione del legno, la BBline si impegna da due generazioni a creare nuovi modi per interpretare la decorazione della finestra. La lunga storia è contraddistinta dalla ricerca continua di soluzioni all’avanguardia, nella consapevolezza che i dettagli possono trasformare completamente l’identità delle nostre case.

Cash mob etico: 1.500 grazie!

Un grazie ai 1.500 studenti che hanno scelto Leroy Merlin e il progetto sul “consumo responsabile” per il proprio percorso di alternanza scuola – lavoro. Venerdì 23 marzo, con i cash mob presso i nostri negozi si è concluso il percorso che abbiamo proposto agli studenti delle scuole superiori, un percorso che ci ha anche permesso di offrire 22.500 ore utili per l’alternanza e far conoscere sei eccellenze del made in Italy, impegnate nella salvaguardia del territorio e dell’ambiente. Un piccolo segno che dimostra che è possibile lavorare per la realizzazione di un modello di economia sostenibile. Poiché parliamo di sogni, futuro e nuove generazioni, ci piace citare Adriano Olivetti: “Spesso il termine utopia è la maniera più comoda per liquidare quello che non si ha voglia, capacità o coraggio di fare. Un sogno sembra un sogno fino a quando non si comincia a lavorarci. E allora può diventare qualcosa di infinitamente più grande”. La formula “etica” 6 fornitori x 48 negozi x 1.500 studenti iscritti x 22.500 ore di alternanza = 1 modello economico possibile e concreto!

Sdraiati o Generativi? Un nuovo modo di apprendere attivamente: il Cash Mob Etico

Di Luca Raffaele, Direttore Generale NeXt – Nuova Economia per Tutti Quando si parla ai giovani di iniziative di consumo responsabile, aziende responsabili e cittadini attivi si rischia di avere come riferimento il libro di Michele Serra in cui le nuove generazioni venivano definite come generazioni di “sdraiati”. Figli che preferiscono la tv allo spettacolo della natura, che non si affezionano agli ideali, ma che in modo individualista vivono con la luce accesa dei propri smartphone, accendendosi (loro) poche volte per cause comuni o meglio per il Bene Comune. Prendendo le parole di Serra potremmo dire consumisti perfetti, “il sogno di ogni gerarca o funzionario della presente dittatura, che per tenere in piedi le sue mura deliranti ha bisogno che ognuno bruci più di quanto lo scalda, mangi più di quanto lo nutre, l’illumini più di quanto può vedere, fumi più di quanto può fumare, compri più di quanto lo soddisfa”. Ma siamo sicuri che siano loro il problema? In realtà quando si parla dei giovani, non si parla mai con i giovani. Così come …

Cash mob etico 12 – 23 marzo 2018

È possibile avere un nuovo modello di economia sostenibile? I cittadini si stanno rendendo conto oggi di avere in tasca le chiavi dei lucchetti delle loro catene economiche e della loro intrinseca ed enorme potenzialità di fare “massa critica”, grazie soprattutto all’importanza che ha assunto il concetto di consumo responsabile e alla diffusione di nuovi canali mediatici di condivisione. Il cittadino può “votare” le imprese di beni e servizi, acquistando da quelle che rispettano la sostenibilità ambientale e sociale, divenendo così “elettore attraverso il proprio portafoglio”. Ma anche le imprese, se non vorranno perdere progressivamente quote di mercato e reputazione, possono “votare col portafoglio” attraverso le proprie scelte di acquisto, dalle materie prime ai servizi di altre imprese responsabili, supportando così la creazione, non solo di buone pratiche, che a volte rimangono isolate, ma di intere filiere sostenibili. In quest’ottica abbiamo costruito il progetto di alternanza scuola – lavoro sul consumo responsabile che ha coinvolto 6 eccellenze made in Italy. Una logica degli acquisti da un approccio “contro” verso un acquisto propositivo e positivo “verso” …