All posts tagged: volontariato

Team building del cuore

Perché un team building? Ma soprattutto, perché un «team building del cuore»? Questa è la principale domanda che ci verrebbe fatta come incipit di una tradizionale intervista. Ed ecco quindi, quasi a rispondere a questa domanda, il racconto di cosa ci ha portato a fare un team building del cuore mercoledì 11 luglio 2018. Sicuramente in pochi sapranno che ad inizio anno 2018 in Leroy Merlin si è costituito un nuovo team di lavoro IT. Il team vede mischiati, dipendenti Leroy Merlin e Consulenti di società fornitrici storiche che avevano collaborato poco o nulla tra loro prima di questo evento. Ognuno con il suo ruolo e le sue capacità da mettere a fattor comune e ognuno con le sue abitudini lavorative, i suoi amici, i suoi «non amici» e tutto il corredo che normalmente si scatena nelle classiche dinamiche di convivenza lavorativa. È così nata un’esigenza, e forse anche un obiettivo: aiutare questo nuovo team a dimenticare il passato, a superare le barriere psicologiche, a ripartire creando nuove abitudini lavorative con vecchi e nuovi compagni di …

Bricolage del Cuore a Baranzate

E anche quest’anno si è concluso con tanto successo uno dei progetti del nostro Bricolage del Cuore Ci troviamo sul territorio di Baranzate, un piccolo paese alle porte di Milano con la particolarità di essere il Paese più multietnico di Italia. Il contesto in cui si trovano gli abitanti di Baranzate, come si può immaginare, è molto difficile e condizionato ogni giorno dalle problematiche legate alla convivenza di parecchie etnie in condizioni non sempre dignitose. Il problema più grande è proprio l’integrazione. La società sportiva del paese, L’associazione BARANZATESE CALCIO, in maniera autonoma e spontanea, aiuta i bambini del paese, ad integrarsi con il resto della comunità, semplicemente permettendogli di frequentare la struttura e di allenarsi e far parte di una squadra, gratuitamente o quasi, Vengono seguiti dagli istruttori e dove se ne presenta la necessità, anche da assistenti sociali. In questo modo gli viene insegnato il significato di solidarietà e sostegno, stringendo rapporti con tutti gli altri bambini e genitori. E qui entriamo in gioco noi… Ho voluto proporre questo progetto per dare una …

Il Balzo, la nostra esperienza di Bricolage del Cuore

Di Camilla Emanuela Pedrazzini Testona e Simona Orilia, Leroy Merlin Italia Come descrivere il Bricolage del Cuore a chi non è di Leroy Merlin? Come sintetizzare le emozioni della nostra giornata dedicata al volontariato? La mezza giornata al Balzo la racconterei così: una bella mattina di giugno, finalmente con un sole convinto, insieme ad alcune care colleghe entriamo in una casa dove ci accolgono e ci raccontano la scelta di offrire una casa ad alcuni “ragazzi”. Valentina, la responsabile della Comunità,  sorride chiamandoli  “ragazzi” anche se hanno 40 anni… L’immagine che ci troviamo davanti è quella di persone che tornano a casa e trovano un ambiente accogliente, luminoso, un bel tavolo dove poter condividere pranzi e cene in allegria,  scambiandosi racconti ed esperienze, un balcone dove organizzare un barbecue o dove sedersi semplicemente per chiacchierare. Non ci troviamo semplicemente davanti a delle stanze: è qualcosa di più. È un luogo di vita e di storie. Ed è questo che abbiamo potuto fare: contribuire a realizzare questo luogo di vita. Ed è forse la cosa più …

Una casa per una piena autonomia

Il CAM ha ideato un progetto di alloggio temporaneo per giovani lavoratori che hanno terminato l’esperienza di ospitalità in famiglia  (Bed & Breakfast Protetto), in comunità d’accoglienza o in affido, ma che incontrano difficoltà a realizzare l’obiettivo finale di una piena autonomia.  Si tratta di giovani che non solo si scontrano con le difficili condizioni del  mercato del lavoro dovute alla crisi economica degli ultimi anni ma che, a causa delle loro particolari condizioni di fragilità, necessitano di un ulteriore accompagnamento. Per questo motivo il CAM ritiene necessario offrire loro un alloggio “semiprotetto” dove i ragazzi, a fronte di un affitto simbolico e della copertura delle spese correnti (utenze acqua, gas, luce) e sotto la supervisione di un educatore e della équipe multidisciplinare (psicologa, assistente sociale, mediatrice e volontaria), possono sperimentare, per un periodo massimo di due anni, la gestione di una casa in tutti i suoi aspetti: convivenza con i coetanei, organizzazione, pulizia, gestione entrate e uscite, consolidando nel frattempo la loro situazione lavorativa e creando un risparmio per far fronte successivamente all’affitto di …